La Voce di Trieste

Alla scoperta di “Vinitaly 2015”

di

É  tutto pronto a Verona  per la 49° edizione  di  Vinitaly , il salone internazionale del vino e dei  distillati  in programma da domenica  22 a mercoledì  25 marzo  con  apertura degli  stand  dalle  9.30  alle  18.30. Quattro giorni di grandi eventi, rassegne, degustazioni e workshop mirati all’incontro delle cantine espositrici con gli operatori del settore, assieme ad un ricco programma che affronta ed approfondisce i temi legati alla domanda e all’offerta in Italia, Europa e nel resto del mondo. Oltre  4.000 gli espositori  attesi  a Veronafiere, 155 mila visitatori, dei quali 56.000 esteri provenienti da 140 Paesi; 91.000 i metri quadri occupati che diventano 100.000 con Sol&Agrifood ed Enolitech, i saloni dell’agroalimentare di qualità (con la parte dedicata all’olio extravergine di oliva realizzata in collaborazione con Unaprol) e dei mezzi tecnici per la filiera del vino e dell’olio che si svolgono in contemporanea. Abbiamo  incontrato  uno  degli  espositori  italiani,  Lara  Belgrado, produttrice di vino, ristoratrice, sommelier professionista, cinque figli e una passione per il buon vino che trasmette attraverso uno sguardo deciso e un bel carattere. Ci  ha parlato dello stand innovativo, tecnologicamente  ed emotivamente coinvolgente con il quale è presente a Vinitaly insieme alla preziosa collaborazione di altre tre aziende che hanno reso possibile il progetto unico e originale. Un connubio tra legno, vino e profumi che accoglie e invita il visitatore  in una fiaba raccontata attraverso i sensi. Si tratta di un ambiente esclusivo e raffinato, dal fascino indimenticabile e pieno, come il vino che custodisce. Un ambiente dove eccellenza e artigianalità si fondono in un incontro che inebria i sensi e vi aspetta a curiosare presso lo stand L2 del Padiglione 8 dal 22 al 25 Marzo.

La Cantina di Paul

Uno stand che si trasforma in una vera e propria cantina, La Cantina di  Paul, una Personal Wine Suite nata dal vino e per il vino, dove la contemporaneità si fonde con la tradizione per celebrare i  vini, i veri protagonisti. La cantina non si limita però solo all’eleganza: la funzionalità e la ricercatezza dell’ambiente, infatti, sono tali che, grazie all’impiego di legni inodori, alla sapiente umidificazione ed alla climatizzazione invisibile, il vino trova tra le pareti preziosamente intagliate quella culla ideale nella quale invecchiare con arte e dalla quale donare il meglio di se stesso appagando ogni desiderio dei palati più esigenti. Un luogo dedicato ad una convivialità serena e raffinata, ma anche alla meditazione suggerita dal gusto e dal profumo di un vino cullato dalla preziosità di un luogo pensato e creato per amplificare la gioia di vivere ed esaltare la vita stessa. La selezione di vini è curata dall’azienda Ganaghello, collocata tra le colline della Val Tidone, una delle vallate a maggior vocazione vitivinicola della provincia di Piacenza: il malvasia “Profumo”, il passito di malvasia “Ultimo Sole”, il Gutturnio Classico Riserva 2008 e il cabernet sauvignon “Campo dei Soldati” Riserva 2008. La Cantina di Paul ospita anche dei profumi: I Profumi d’Italia, azienda vitivinicola con un piede in Veneto e l’altro in Friuli, simbolo della passione per il bere bene della sua proprietaria, presenta bottiglie eleganti e ricercate, etichette sofisticate e curate nei particolari che partono dal vigneto e arrivano al packaging. Non solo Prosecco, ma anche la migliore selezione di Pinot Noir secondo il  “Metodo Classico”.  Vini ricercati, riuniti per la prima volta insieme al Vinitaly 2015, per la Personal Wine Suite nella cornice di “Salotti del Gusto”, il circuito innovativo e dinamico che promuove l’emozione del Made in Italy nei settori enogastronomia e lifestyle.

Vini protagonisti: degustazioni, ma non solo

Vinitaly è la manifestazione che più di ogni altra ha scandito l’evoluzione del sistema vitivinicolo nazionale ed internazionale, contribuendo a fare del vino una delle più coinvolgenti e dinamiche realtà del settore primario. Un ruolo importante nel contatto tra professionisti del settore e produttori viene svolto dalle grandi degustazioni organizzate. Il primo giorno degustazione in modalità walk around dei vini della Guida Tre Bicchieri, con i migliori vini selezionati dal Gambero Rosso. Un altro tasting walk around chiude Vinitaly il 25 marzo con “Le perle d’Italia”, un viaggio spumeggiante tra le bollicine italiane a cura dell’ AIS (Associazione Italiana Sommelier), che festeggia con questo evento i suoi 50 anni. Grandi vini, dunque, con le proposte delle più importanti riviste internazionali di settore. Tra i protagonisti di quest’anno Abrau Durso lo champagne degli zar, il Nebbiolo nelle sue diverse sfumature, il carattere unico dei vini ungheresi, lo champagne con il fascino dei blanc de blancs, il Riesling Kabinett (un vino da dispensa), nove grandi rossi a confronto e gli Smaragd dell’Austria. A cura di AIS le degustazioni Barolo e Brunello di Montalcino, viaggio al centro del terroir. Il Ministero degli Esteri sloveno cofinanzia la degustazione Wines of Slovenia. A cura della Vinitaly International Academy, infine, quattro seminari-degustazione. Tra i tasting in calendario nel Padiglione Vininternational (Pad. I), la presentazione del Pisco peruviano, dei vini spagnoli della regione di Castilla y Leon, dello Champagne Jeeper, dell’Armagnac, dei vini di Nuova Zelanda, Slovenia, Australia e Sud Africa e la degustazione “solo Pinot nero e Riesling no limits”. Dedicata ai blogger la seconda edizione della degustazione Young to Young,  organizzata in collaborazione con Marco Gatti e Paolo Massobrio.

La grande cucina a Vinitaly

Un discorso a parte merita la grande cucina di Vinitaly. Quest’anno si tinge di rosa il Ristorante d’autore (1° piano Pala Expo), con la presenza di quattro chef donne, una diversa per ogni giorno di Vinitaly. Per chi vuole stile ed eleganza e desidera sfruttare al massimo i tempi della propria visita a Vinitaly dedicando poco tempo al pranzo, i più grandi chef italiani dell’associazione Jeunes Restaurateurs d’Europe propongono qualità e innovazione dei piatti e velocità di servizio con il Self Service d’Autore (1° Piano Galleria dei Signori – Pad. 10-11). Nel padiglione Sol&Agrifood è attivo il Ristorante Goloso e in quello di  Bistrot Enolitech si ingrandisce, dopo l’apprezzamento dell’anno scorso, lo spazio dedicato alla ristorazione, grazie alla collaborazione rispettivamente con Taste of Roma e Taste of Milano, con menu a la carte in un ambiente originale allestito da L’Officina delle Idee 3.0 e gli arredi in cartone di Kubedesign. In contemporanea a Vinitaly, Sol&Agrifood il meglio della produzione oleicola e agroalimentare italiana, degustazioni e cooking show, convegni e incontri b2b. L’offerta espositiva di Sol&Agrifood propone anche importanti novità e new entry come Cheese Experience e A Taste of Coffee, oltre all’ampliamento dello spazio riservato alle birre e alle diverse iniziative ideate intorno al mondo dell’olio d’oliva. Infine date nuove per Vinitaly and the City, il Fuori Salone serale di Vinitaly dedicato al popolo dei wine lover, quest’anno realizzato in collaborazione con il Comune di Verona. L’evento si svolge per la prima volta all’aperto nelle piazze storiche della città, dal 20 al 23 marzo 2015, dalle 18 alle 23: quattro giorni per dare agli enoappassionati e agli operatori in arrivo da tutto il mondo più tempo per scoprire oltre a vini e cibi anche le bellezze storiche e artistiche della città. Per maggiori informazioni sugli  eventi in  programma e sui biglietti: www.vinitaly.comTel: 045.8298854 ( dalle 9.00  alle 12,30) – Veronafiere – V.le  del Lavoro,  8 – Verona

© 19 Marzo 2015

Galleria fotografica

Sfoglia online l’edizione cartacea

La locandina

Accedi | Designed by Picchio Productions
Copyright © 2012 La Voce di Trieste. Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trieste - n.1232, 18.1.2011
Pubblicato dall'Associazione Culturale ALI "Associazione Libera Informazione" TRIESTE C.F. 90130590327 - P.I. 01198220327
Direttore Responsabile: Paolo G. Parovel
34121 Trieste, Piazza della Borsa 7 c/o Trieste Libera
La riproduzione di ogni articolo è consentita solo riportando la dicitura "Tratto da La Voce di Trieste"