La Voce di Trieste

Yoko Tawada al Museo Revoltella

Si chiude lunedì 10 dicembre 2018 alle ore 17.00 con la presenza eccezionale di Yoko Tawada – scrittrice di origine giapponese residente a Berlino e recente vincitrice, a New York, del prestigioso National Book Award nella sezione Translated Literature – il progetto di divulgazione della cultura umanistica Altrestorie/Otherstories. Curato dall’Università degli Studi di Trieste con il finanziamento della Regione Friuli Venezia Giulia, nel mese di novembre ha visto al Museo Revoltella l’allestimento omonimo in coorganizzazione con il Comune di Trieste, e in queste settimane (tramite le sezioni #altrestorieedu, #altrestorielab e #altrestoriediscuss) si è concretizzato con una serie di appuntamenti e incontri nelle scuole e Università del Friuli Venezia Giulia e nelle Università di Lubiana, Pola, Fiume e Zagabria, per sviscerare il tema del superamento della dicotomia ”noi” e ”loro” in tema di migrazioni. L’incontro è organizzato in collaborazione e con il sostegno di Goethe Institute – Roma, Goethe-Zentrum Triest e DAAD. All’Auditorium Marco Sofianopulo del Revoltella, Yoko Tawada porterà Memorie di un’orsa polare, una saga familiare a tre voci, una storia di animali capace di parlarci della realtà grazie a un’aura di fantastico che ricorda i maestri della letteratura giapponese. Tre le storie del libro, di orsi polari che rispecchiano l’essenza umana: la matriarca addestrata per diventare una stella del circo e relegata poi a un lavoro d’ufficio e che decide di scrivere un’autobiografia divenuta un bestseller; sua figlia Tosca che scandalizza il mondo esibendosi in uno spettacolo in cui bacia la sua addestratrice. E infine Knut, baby idolo dello zoo di Berlino, cresciuto da un umano. Un best seller pubblicato nel 2011 da Guanda, nel quale attraverso le storie di tre orsi, Tawada riflette sulla nostra stessa umanità, sui modi in cui apparteniamo gli uni agli altri e sui modi in cui siamo formati. L’incredibile talento della scrittrice è stato riconosciuto con la vittoria, lo scorso 14 novembre 2018 a New York, del National Book Awards nella sezione Letteratura Tradotta, uno dei premi più illustri della letteratura negli Stati Uniti, con la versione inglese di Kentoshi (The Emissary), un romanzo distopico su un uomo anziano e il suo pronipote che vivono in una situazione difficile in Giappone dopo una catastrofe che assomiglia al terremoto e allo tsunami del 2011. Per maggiori informazioni www.altrestorie-otherstories.com

© 7 dicembre 2018

Galleria fotografica

Sfoglia online l’edizione cartacea

La locandina

Accedi | Designed by Picchio Productions
Copyright © 2012 La Voce di Trieste. Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trieste - n.1232, 18.1.2011
Pubblicato dall'Associazione Culturale ALI "Associazione Libera Informazione" TRIESTE C.F. 90130590327 - P.I. 01198220327
Direttore Responsabile: Paolo G. Parovel
34121 Trieste, Piazza della Borsa 7 c/o Trieste Libera
La riproduzione di ogni articolo è consentita solo riportando la dicitura "Tratto da La Voce di Trieste"