La Voce di Trieste

26 immagini dalla mostra fotografica sui soldati della Bosnia Erzegovina a Trieste e sul fronte meridionale (1908-1918)

A cura di Alessandro Mlach

Nel 1903 l’Austria Ungheria costituì quattro Reggimenti di fanteria della Bosnia Erzegovina formati da soldati di religione islamica (prevalente), ebraica, cattolica e serbo-ortodossa. Dal 1908 tre battaglioni del 4° reggimento, di Mostar, furono in servizio di guarnigione a Trieste con il celebre 97° Reggimento triestino.

Erano acquartierati assieme nella Caserma Grande, presso la quale venne anche costruita una moschea per gli islamici, mentre i bosniaco-erzegovesi ebrei e cristiani frequentavano le sinagoghe e le chiese della città.

Durante la prima guerra mondiale i soldati della Bosnia-Erzegovina combatterono con valore, tenacia e sacrifici straordinari per la difesa di Trieste e di tutto il fronte meridionale, dal Timavo sino alle Alpi ed al Piave.

Sono stati ricordati a Trieste con una mostra fotografica organizzata dal Movimento Civiltà Mitteleuropea presso Trieste Libera dall’8 al 12 novembre 2018.

La mostra ha voluto rinnovare la memoria della loro presenza a difesa di Trieste sia in pace che in guerra, e della preziosa tradizione storica di pluralismo religioso e culturale che accomuna Trieste e la Bosnia Erzegovina.

Le fotografie scelte per la mostra non hanno illustrato perciò gli eventi militari, ma la dimensione umana e spirituale di quei nostri soldati. Vi proponiamo un link ad una scelta di 26 immagini significative della mostra: LINK

© 28 novembre 2018

Galleria fotografica

Sfoglia online l’edizione cartacea

La locandina

Accedi | Designed by Picchio Productions
Copyright © 2012 La Voce di Trieste. Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trieste - n.1232, 18.1.2011
Pubblicato dall'Associazione Culturale ALI "Associazione Libera Informazione" TRIESTE C.F. 90130590327 - P.I. 01198220327
Direttore Responsabile: Paolo G. Parovel
34121 Trieste, Piazza della Borsa 7 c/o Trieste Libera
La riproduzione di ogni articolo è consentita solo riportando la dicitura "Tratto da La Voce di Trieste"