La Voce di Trieste

Spettacolo al Museo Revoltella

Appuntamento giovedì 14 giugno alle ore 18.00

Giovedì 14 giugno, alle ore 18.00, presso il Museo Revoltella (Sala Scarpa), si terrà lo spettacolo Un ozioso disinteresse, un fantasioso incanto. Visita non guidata al magico mondo di Vito Timmel a cura di Stefano Dongetti, con Adriano Giraldi, progetto a cura di Laura Forcessini. Chi è l’uomo che saluta i personaggi dei pannelli del Cinema Ideal invitandoli a fare silenzio e che poi prende a raccontare la vita del visionario e talentuoso artista triestino? Nelle sue parole vi è uno strano e sbilanciato slancio. Parla in prima e in terza persona e dice di non ricordare bene. Vito Timmel si è raccontato molto nei suoi quadri e nelle parole del suo “Magico taccuino”. Ma soprattutto si è raccontato cercandosi e sfuggendosi, ritrovandosi e perdendosi per poi forse ritrovarsi ancora per un’ultima volta nella dimensione della follia. Perché per lui, diceva, “girovagare e cozzare con l’indipendenza” era “una necessità che sempre lo ha vinto”. La storia di una vita difficile che trova riscatto e rifugio nell’arte. La storia di un uomo fragile e di un grande animo d’artista. Posti max 50, durata 45’ ca. Biglietto € 10 acquistabile da mezz’ora prima dello spettacolo all’ingresso del museo, in prevendita al Teatro Miela lunedì-venerdì 17-19. Per maggiori informazioni: Teatro Miela 9-13, Tel. 040365119, teatro@miela.it

© 11 giugno 2018

Sfoglia online l’edizione cartacea

La locandina

Codice QR per cellulari

QR Code - scan to visit our mobile site
Accedi | Designed by Picchio Productions
Copyright © 2012 La Voce di Trieste. Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trieste - n.1232, 18.1.2011
Pubblicato dall'Associazione Culturale ALI "Associazione Libera Informazione" TRIESTE C.F. 90130590327 - P.I. 01198220327
Direttore Responsabile: Paolo G. Parovel
34121 Trieste, Piazza della Borsa 7 c/o Trieste Libera
La riproduzione di ogni articolo è consentita solo riportando la dicitura "Tratto da La Voce di Trieste"