La Voce di Trieste

Laboratorio e vista alla mostra “Aldo Famà. Lo stato dell’arte”

Nell’ambito della rassegna antologica Aldo Famà. Lo stato dell’arte, allestita alla Sala Veruda di Palazzo Costanzi (piazza Piccola 2) con il contributo del Comune di Trieste – Assessorato alla Cultura e ideata e curata dall’architetto Marianna Accerboni, sabato 9 marzo avrà luogo, a partire dalle ore 11.00, un laboratorio condotto dal progettista Daniele Lucà, esperto in stampa 3D, che terrà una dimostrazione pratica sull’uso della stampante 3D in ambito artistico. Con tale tecnica sono infatti state realizzate le sculture presenti in mostra, che rappresentano la traduzione nella terza dimensione delle opere pittoriche dell’artista. Domenica 10 marzo alle ore 11.00 la curatrice terrà una visita guidata. Lunedì 11 marzo alle 17.30 avrà luogo il finissage condotto da Accerboni sotto l’egida dell’Associazione Amici dei Musei Marcello Mascherini. Gli incontri saranno seguiti da una degustazione di caffè offerta dalla Torrefazione Guatemala Caffè di Trieste. La mostra, che sta riscuotendo ampio successo di pubblico e di critica, propone – attraverso una sessantina di opere tra oli, collage, incisioni, esempi di arazzi e installazioni, documenti, supporti audiovisivi e sculture innovative stampate in 3D – la profonda ricerca condotta dal 1975 a oggi da Famà, che in settembre compirà ottant’anni. Visitabile fino all’11 marzo con orario tutti i giorni 10.00 – 13.00 / 17.00 – 20.00.

© 8 Marzo 2019

Galleria fotografica

Sfoglia online l’edizione cartacea

La locandina

Accedi | Designed by Picchio Productions
Copyright © 2012 La Voce di Trieste. Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trieste - n.1232, 18.1.2011
Pubblicato dall'Associazione Culturale ALI "Associazione Libera Informazione" TRIESTE C.F. 90130590327 - P.I. 01198220327
Direttore Responsabile: Paolo G. Parovel
34121 Trieste, Piazza della Borsa 7 c/o Trieste Libera
La riproduzione di ogni articolo è consentita solo riportando la dicitura "Tratto da La Voce di Trieste"