La Voce di Trieste

Al via la 15ª edizione del Presepe di Sabbia di Lignano Sabbiadoro

Al via sabato 8 dicembre la 15ª edizione del Presepe di Sabbia di Lignano Sabbiadoro, attrazione di punta del calendario dei festeggiamenti di “Natale d’A…mare”, capace di attirare nelle ultime edizioni un numero fra i 50 i 70 mila visitatori nel periodo festivo, diventando a tutti gli effetti un punto di riferimento turistico per la città di Lignano e per la Regione Friuli Venezia Giulia tutta. L’opera, organizzata da Associazione Dome Aghe e Savalon d’Aur, con il sostegno della Città di Lignano, in collaborazione con Pro Loco Lignano, Lignano in Fiore Onlus, Lignano Sabbiadoro Gestioni e con il fondamentale contributo delle associazioni lignanesi, realizzata dall’equipe di artisti internazionali dell’Accademia della Sabbia capitanati da Antonio Molin, sarà visitabile fino al 27 gennaio 2019. Appuntamento quindi a domani alle 16.00 al villaggio festeggiamenti di Lignano, posto dirimpetto alla Terrazza a Mare, con il taglio del nastro e il via ufficiale al programma degli appuntamenti. Tutte le info e gli orari di visita del presepe su www.presepelignano.it e sulla pagina Facebook Dome aghe e savalon d’aur. Dopo il Terremoto del Friuli e la Grande Guerra, il tema dell’opera di quest’anno è il Cantico delle Creature di Francesco d’Assisi, che trova la sua rappresentazione attraverso la magistrale trasposizione sulla sabbia di alcuni dipinti di Giotto, che diventa così autentico “narratore per immagini” nel guidare il visitatore attraverso il percorso espositivo. Perno centrale dell’articolata architettura narrativa è, infatti, la monumentale traduzione tridimensionale della Natività, ispirata agli affreschi della Nascita di Cristo e dell’ Adorazione dei Magi, dipinti da Giotto tra il 1303 e il 1305 nello stupefacente ciclo della Cappella degli Scrovegni di Padova. Il visitatore verrà poi letteralmente abbracciato dal filo tematico principale del presepe: Il Cantico delle Creature. Nella prima parte si vede Francesco, malato e quasi cieco, che ospite di Chiara nella serenità di San Damiano detta il suo Cantico. Si passa così al cuore dell’opera, il «Laudato si’», dove l’acqua, il vento, il sole, la luna, il cielo stellato, il fuoco, la “Terra Madre” e coloro «che perdonano» (quindi i “costruttori di pace”), vengono rappresentati singolarmente in sette meravigliose realizzazioni in sabbia che costituiscono il corpo principale del percorso. Ad impreziosire ulteriormente l’opera, la gradita conferma dell’Albero di Yule, che raccoglierà sui suoi rami migliaia di testimonianze sotto forma di biglietti, pensieri che portano auguri, sentimenti e buoni auspici per l’anno che verrà. Dopo il gemellaggio con la comunità di Amatrice e le splendide attività congiunte realizzate negli scorsi anni, la comunità di Lignano si unisce quest’anno a quella di Greccio, proprio nel segno di San francesco, che nel borgo laziale allestì il primo presepe vivente della storia nel 1223. Per suggellare questo gemellaggio l’associazione Dome aghe e savalon d’aur donerà a Greccio un piccolo presepe di sabbia, realizzato dagli artisti dell’Accademia della Sabbia. Nelle giornate di sabato 15 e domenica 16 dicembre una corriera partirà quindi da Lignano per fare visita a Greccio e Orvieto. Fra le attività della due giorni anche il concerto degli Harmony Gospel Singers nel pomeriggio di sabato 15 proprio a Greccio. Per chi volesse prendere parte alla gita, per info e prenotazioni, chiamare il +39 339 7485334.

© 7 dicembre 2018

Galleria fotografica

Sfoglia online l’edizione cartacea

La locandina

Accedi | Designed by Picchio Productions
Copyright © 2012 La Voce di Trieste. Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trieste - n.1232, 18.1.2011
Pubblicato dall'Associazione Culturale ALI "Associazione Libera Informazione" TRIESTE C.F. 90130590327 - P.I. 01198220327
Direttore Responsabile: Paolo G. Parovel
34121 Trieste, Piazza della Borsa 7 c/o Trieste Libera
La riproduzione di ogni articolo è consentita solo riportando la dicitura "Tratto da La Voce di Trieste"