La Voce di Trieste

Paolo G. Parovel

Paolo G. Parovel, triestino classe 1944, è giornalista, scrittore, traduttore e studioso eclettico.

Paolo G. Parovel, Triestine, born in 1944, is a journalist, translator and eclectic scholar.

Come giornalista svolge prevalentemente attività investigative; ha collaborato in particolare con l’agenzia ufficiale austriaca APA di Vienna (1979-90), agli Esteri del più autorevole quotidiano della Slovenia, Delo e con altri media austriaci, tedeschi, sloveni e croati; nel 1980 ha editato e diretto il mensile quadrilingue (italiano, friulano, sloveno, tedesco) “Nuova Mitteleuropa”; dal 1986 al 2004 ha tenuto la trasmissione radiofonica transconfinaria settimanale di cultura e politica L’Altra Trieste; dal maggio 2010 è stato direttore responsabile ed ideatore del primo settimanale triestino d’inchiesta, informazione e cultura “Il Tuono” , cessato come tale il 7.1.2011, il cui ruolo è stato assunto da La Voce di Trieste

As a journalist, he does mainly carry on investigations; he did especially work with official Austrian Press Agency – APA in Vienna (1979-90), writing for the foreign editorial office of the most important newspaper of Slovenia, Delo and with other Austrian, German, Slovenian and Croatian media; in 1980 he edited and directed monthly magazine “Nuova Mitteleuropa” written in four languages (Italian, Friulan, Slovene and German); from 1986 to 2004 he conduced weekly radio broadcast “L’altra Trieste” (The other Trieste) on the topics of culture and politics; starting in May, 2010, he has been the responsible director and inventor of the first investigative, informative and cultural newspaper “Il Tuono” (The Thunder), ceased as such on January 7th, 2011, whose role was inherited by newspaper La Voce di Trieste (The Voice of Trieste).

Scrive anche di religione, filosofia, scienze naturali e ambiente, ed è tra i responsabili di Greenaction Transnational e dell’organizzazione ambientalista internazionale Alpe Adria Green. È inoltre il solo intellettuale di madrelingua e cittadinanza italiane che sia sinora entrato nella cultura, nel giornalismo e nella politica della Slovenia, ottenendo riconoscimenti dall’Accademia Slovena della Scienze ed Arti (SAZU), dal Ministero degli Esteri sloveno e dal Consiglio Pontificio per la Cultura.

He does also write about religion, philosophy, natural science and environment, as well as being among the responsible of Greenaction Transnational and of international environmentalist organization Alpe Adria Green. Also, he is the only intellectual of Italian mother language and citizenship to have entered, to this moment, the culture, journalism and politics of Slovenia, receiving the praise of the Slovenian Academy of Sciences and Arts(Slovenska akademija znanosti in umetnosti – SAZU), of the Slovenian Ministry of Foreign Affairs and of the Consiglio Pontificio per la Cultura (Pontifical Council for Culture).

È autore, tra altro: de “L’identità cancellata” (nell’edizione croata “Izbrisani identitet“), primo libro-documento sull’italianizzazione forzata dei cognomi e toponimi nei territori adriatici annessi dopo il 1918; della prima storia medievale degli Sloveni in italiano (nella prima edizione italiana dei Monumenta Frisingensia da lui curata); della prima traduzione italiana (antologica) “Trieste, Lubiana e la Carsia” della grande opera del Seicento in lingua tedesca di J.W Valvasor sulla Carniola; del primo libro italiano di presentazione degli Sloveni nell’Unione Europea “1400 anni di contributi storici del popolo sloveno alla stabilità, pace e sicurezza d’Europa – con appunti sulle presenzeantico-slovene nell’Europa dello spirito, del mito e della natura”; dell’analisi per il Senato italiano “Italia-Slovenia-Croazia: il problema delle relazioni storiche e politiche al confine orientale”, rielaborata in Slovenia nel suo libro “Velika prevara na slovenski zahodni meji – Dosje Italija”.

Among others, he is the author of “L’identità cancellata” (“Izbrisani identitet“ is the title of the Croatian edition, which means “The cancelled identity”), the first documentary-book about forced Italianization of family and place names in the Adriatic territories annexed to Italy after 1918; also, he is the author of the first medieval history of the Slovenes written in Italian (within the first Italian edition of the Monumenta Frisingensia that he edits); of the first (anthological) translation “Trieste, Lubiana e la Carsia” (Trieste, Ljubljana and the Karst) from the great opera written in German, during the XVI Century by J.W. Valvasor about Carniola; of the first Italian book to present the Slovenes in the European Union, “1400 anni di contributi storici del popolo sloveno alla stabilità, pace e sicurezza d’Europa – con appunti sulle presenze antico-slovene nell’Europa dello spirito, del mito e della natura” (1400 years of historical contributions of the Slovene folk to the stability, peace and safety of Europe – with notes about the ancient presence of the Slovenes in the Europe of the spirit, of myth and of nature”); of the analysis for the Italian Senate “Italia-Slovenia-Croazia: il problema delle relazioni storiche e politiche al confine orientale” (Italy – Slovenia – Croatia: the problem of historical and political relations on the eastern border) then reworked in his book, written in Slovenian: “Velika prevara na slovenski zahodni meji – DosjeItalija”.

Coordina il Comitato italo-sloveno-croato per l’informazione formato da giornalisti, storici e cittadini dei tre Paesi. Come analista specializzato dei problemi di stabilizzazione dell’area ha collaborato in particolare con centri d’analisi sloveni, italiani, europei e statunitensi.

He coordinates the Italian-Slovene-Croatian committee on information, formed by journalists, historians and citizens of the three Countries. As analyst, specialized in the problems of the stabilization of that area, he did especially collaborate with analysis centers of Slovenia, Italy, of Europe and of the United States.

Fondatore nel 1974 del primo movimento mitteleuropeo, in politica si è impegnato da indipendente (dal 1982 al 1988 anche con una propria lista) contro la corruzione, il nazionalismo di confine, il razzismo e per la difesa ambientale. Per questi suoi impegni ha anche subìto a Trieste dal 1982 ad oggi pesanti ritorsioni, due attentati e lunghi anni di silenzio stampa locale.

Founder, in 1974, of the first Movement for Mitteleuropa, when it comes to politics, he stood against corruption, against Italian nationalism of the Trieste border area, against racism and in defense of the environment as an independent candidate (from 1982 to 1988 he did this also with his own party). Due to his involvement in these tasks, from 1982, in Trieste, he had to undergo very serious reprisals, two assassination attempts and years of absolute silence from local press.

È stato titolare dal 1962 al 1984 della libreria internazionale ed agenzia distributrice triestina della stampa nazionale ed estera “Eugenio Parovel”, fondata nel 1884 e con filiale storica ad Istanbul.

From 1962 to 1984 he owned Triestine international library and agency of distribution for national and foreign press “Eugenio Parovel”, founded in 1884, which has its historical seat in Istanbul.

Dal 2013 opera anche come analista e responsabile Esteri del Movimento Trieste Libera – Gibanje svobodni Trst – Bewegung Freies Triest – Free Trieste Movement, che difende il Free Territory of Trieste ed il suo Porto Franco internazionale.

Since 2013, he is also active as analyst and responsible of Foreign Relations of the Free Trieste Movement – Gibanje svobodni Trst – Bewegung Freies Triest – Free Trieste Movement, which defends the Free Territory of Trieste and its international Free Port.

Dal 16 settembre 2015 è direttore del Segretariato Generale e del I Dipartimento (Esteri, Comunicazione, Sicurezza) della International Provisional Representative of the Free Territory of Trieste – I.P.R. F.T.T.

Since 16 September 2015, he is the director of the General Secretariat and of the I Department (Foreign affairs, Communication, Security) of the International Provisional Representative of the Free Territory of Trieste – I.P.R. F.T.T.

Per contattare il direttore della Voce di Trieste scrivete a // to contact the director of The Voice of Trieste, write at:direttore@lavoceditrieste.net.

Accedi | Designed by Picchio Productions
Copyright © 2012 La Voce di Trieste. Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trieste - n.1232, 18.1.2011
Pubblicato dall'Associazione Culturale ALI "Associazione Libera Informazione" TRIESTE C.F. 90130590327 - P.I. 01198220327
Direttore Responsabile: Paolo G. Parovel
34121 Trieste, Piazza della Borsa 7 c/o Trieste Libera
La riproduzione di ogni articolo è consentita solo riportando la dicitura "Tratto da La Voce di Trieste"