La Voce di Trieste

Alsarah & The Nubatones live al Miela

Appuntamento venerdì 12 gennaio alle ore 21.30

Carismatica ed indipendente, Alsarah è autrice, compositrice ed etnomusicologa e viene considerata unanimemente l’ambasciatrice del retro-pop dell’Arica Orientale. Appartiene ad una generazione di artisti capaci di intraprendere con coraggio sentieri non battuti, attingendo con rispetto al patrimonio tradizionale e mescolandolo abilmente con i linguaggi del contemporaneo.Nata a Khartoum, dove trascorre i primi 8 anni di vita, Alsarah si traferisce presto in Yemen assieme ai genitori (entrambi attivi sul fronte dei diritti civili), per sfuggire alle persecuzioni del regime nel suo Paese natio. All’improvviso però, nel 1994, scoppia anche lì una guerra civile, circostanza che spinge di nuovo l’intera famiglia in fuga, direzione Boston, Stati Uniti d’America. Lì comincia il suo apprendistato musicale a 12 anni. Successivamente si iscrive prima ad una Performing Arts high school, poi si laurea in etnomusicologia con una tesi sulla musica tradizionale sudanese. Ora vive a Brooklyn, e definisce se stessa e la sua musica, east-african retropop. Attiva in numerosi progetti artistici, ha recentemente collaborato con il «Nile Project» nell’acclamato disco di debutto (inserito tra i 5 dischi del 2013 da NPR). Ha collaborato inoltre col produttore francese Débruit nell’apprezzato disco edito nel 2013 dalla Soundway Rec. Nel 2010 realizza anche un video-concept dal titolo “Vote!”, assieme al rapper Oddissee, per incoraggiare i giovani sudanesi ad esprimere il proprio voto. Nella primavera del 2014 finalmente il disco di debutto con la band dei Nubatones (“Silt”), seguito nel settembre 2016 dall’ottimo “Manara” (“The Lighthouse”). Carismatica ed indipendente, Alsarah è autrice, compositrice ed etnomusicologa considerata unanimamente come il nuovo standard internazionale del retro-pop dell’Africa Orientale. Perché appartiene ad una generazione di artisti capaci di intraprendere con coraggio sentieri non battuti. Attingendo con rispetto al patrimonio tradizionale e mescolandolo abilmente col suo Nuovo Mondo e i linguaggi del contemporaneo. La sua figura affascinante ed originale, compare anche in ”Beats of the Antonov”, premiato come Miglior Documentario al Toronto International Film Festival del 2014. Ingresso € 15,00, ridotto soci Bonawentura e under 26 € 12,00. Prevendita presso la biglietteria del teatro (tel. 0403477672) tutti i giorni dalle 17.00 alle 19.00. www.vivaticket.it

Foto di Nousha Salimi

© 10 gennaio 2018

Sfoglia online l’edizione cartacea

La locandina

Codice QR per cellulari

QR Code - scan to visit our mobile site
Accedi | Designed by Picchio Productions
Copyright © 2012 La Voce di Trieste. Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trieste - n.1232, 18.1.2011
Pubblicato dall'Associazione Culturale ALI "Associazione Libera Informazione" TRIESTE C.F. 90130590327 - P.I. 01198220327
Direttore Responsabile: Paolo G. Parovel
34121 Trieste, Piazza della Borsa 7 c/o Trieste Libera
La riproduzione di ogni articolo è consentita solo riportando la dicitura "Tratto da La Voce di Trieste"