La Voce di Trieste

30 settembre: Trieste e l’Austria dal 1382 allo Stato indipendente

30 September: Trieste and Austria, from 1382 to the independent State

 

Analisi di // Analysis by Paolo G. Parovel

Questo 30 settembre 2015, una settimana dopo l’equinozio d’autunno, è il 633° anniversario dell’atto di dedizione con il quale nel 1382, a Graz, la piccola città indipendente di Trieste per non diventare una colonia di Venezia come le altre cittadine costiere dell’Adriatico nordorientale affidò la difesa della propria libertà a Casa d’Austria, rappresentata allora dal duca Leopoldo III d’Absburgo.

This 30 September 2015, one week after the autumnal equinox, is the 633rd anniversary of the act of dedication with which in 1382, at Graz, the little independent city of Trieste, not willing to become a colony of Venice like the other coastal towns of the North-eastern Adriatic, entrusted the defence of its freedom to the House of Austria, represented at that time by Duke Leopold III of Habsbourg.

Iniziava così, 110 anni prima della scoperta delle Americhe, il legame statuale volontario fra Trieste e l’Austria che durò 536 anni, sino al novembre 1918, garantendo per oltre mezzo millennio alla città la sua indipendenza, con la dignità di Stato della Corona, e poi di Paese membro dell’Impero, attraverso il legame personale diretto con il sovrano.

This is how, 110 years before the discovery of the Americas, started the voluntary, State connection of Trieste and Austria, which lasted 536 years, until November 1918, and granted for longer than half a millennium the independence of the city, with the dignity of a Crown State and then a Member of the Empire, through a personal, direct connection with the sovereign.

Da allora ogni sovrano di Casa d’Austria ebbe perciò il titolo autonomo di Signore di Trieste, dove aveva come rappresentane personale prima un Capitano e poi un Luogotenente imperiale, affiancato al libero parlamento della città nel pieno rispetto delle sue libertà e costituzioni, che vennero consolidate dal 1850 nell’esemplare Costituzione della Città Immediata di Trieste – Verfassung der reichsunmittelbaren Stadt Triest.

This is why, from that time on, all sovereigns of the House of Austria had the autonomous title of Lord of Trieste, where they were represented by a Captain first, then by an Imperial Lieutenant, along with the free parliament of the city, in full respect of its freedoms and constitutions, which were consolidated from 1850 in the exemplar Costituzione della Città Immediata di Trieste – Verfassung der reichsunmittelbaren Stadt Triest (Constitution of the Immediate City of Trieste).

Sino al 1918 Trieste celebrava perciò il 30 settembre come festa ufficiale, per il 500° anniversario eresse un bel monumento commemorativo nella piazza della Stazione e la sede del Luogotenente imperiale era l’elegantissimo Palazzo del Governo che sta sulla piazza Grande di fronte al palazzo del Lloyd Austriaco.

For this reason that, until 1918, Trieste celebrated 30 September as an official holiday, it built a beautiful monument in the station square for the 500th anniversary and the head office of the Lieutenant was the very elegant Palace of the Government that overlooks the piazza Grande right in front of the palace of the Austrian Lloyd.

È quel legame volontario con l’Austria che ha consentito l’integrazione politica ed economica della libera città-porto più settentrionale del Mediterraneo con il suo retroterra naturale mitteleuropeo, che dal 18° secolo le ha garantito il massimo sviluppo culturale e materiale nella pluralità feconda delle lingue, delle religioni e delle scienze attraverso gli studi, la navigazione, l’industria ed i commerci mondiali del suo porto franco.

It is this voluntary connection with Austria that made possible the political and economic integration of the free port-city in the most northern part of the Mediterranean with its Mitteleuropean inland that, from the XVIII Century, granted the highest cultural and material development in the fertile plurality of languages, religions and sciences thanks to studies, navigation, industry and the world-wide trades of its free port.

Non fu per caso che nel 1797 venne aperto in questa libera Philadelphia d’Europa anche il secondo consolato continentale degli Stati Uniti d’America dopo la loro proclamazione d’indipendenza, e se l’Austria, poi Austria-Ungheria, oltre ad essere la protettrice di Trieste era anche l’unico grande Paese europeo che rifiutò fermamente di diventare una potenza coloniale.

It was not a coincidence that in 1797, in this free Philadelphia of Europe, was opened the second continental Consulate of the United States of America after the proclamation of their independence, and that Austria, then Austria-Hungary, other than protecting Trieste, was also the only big European Country that strongly refused to become a colonial power.

Il legame naturale solido e fecondo di Trieste con il suo retroterra e con la civiltà e l’etica di Casa d’Austria potè essere spezzato solo con le armi, e nonostante la strenua difesa e resistenza dei triestini, dagli esiti devastanti della prima guerra mondiale 1914-18, che venne e viene esaltata da molti, anche ad un secolo di distanza, come se avesse portato delle libertà.

The natural, strong and fertile connection of Trieste with its inland and with the civilisation and ethics of the House of Austria could be broken only by force, and notwithstanding the strenuous defence and resistance of the Triestines, by the devastating outcomes of World War I of 1914-18, which was and still is praised by many, even after a century, as if it brought some freedom with it.

Invece fu il macello di popoli inutile ed orrendo che avviò il ciclo di degradazione e dissoluzione della civiltà europea nei nazionalismi, nei razzismi, nelle ideologie totalitarie, nell’orrore crescente dei genocidi e nelle nuove guerre del Novecento, alle quali si tenta ancora di rimediare costruendo una nuova Europa plurinazionale su modelli ancora troppo innaturali e squilibrati.

The truth is that it was a useless and horrendous slaughter of folks, which triggered the cycle of degradation and dissolution of the civilization of Europe in nationalisms, racisms, totalitarian ideologies, the increasing horror of the genocides and the new wars of the XX Century, to which we are still attempting to remediate, establishing a new, plurinational Europe, based on models that are still unnatural and uneven.

Quei 536 anni di indipendenza giuridica e pratica di Trieste con (e non ‘sotto’) l’Austria sono stati interrotti soltanto dai disgraziati 25 anni, tra il novembre 1918 ed il settembre 1943, della rozza e violenta occupazione nazionalista e razzista da parte del Regno d’Italia e del suo regime fascista, surrogati tra il settembre 1943 ed il maggio 1945 dai loro feroci alleati nazisti.

Those 536 years of legal and practical independence of Trieste with (not ‘under’) Austria were only interrupted by the disgraceful 25 years, from November 1918 and September 1943, of the ruthless and violent, nationalistic and racist occupation of the Kingdom of Italy and its Fascist regime, replaced from September 1943 to May 1945 with their ferocious Nazi allies.

Solo 27 anni in tutto, che sono stati però fatti pesare come secoli cancellando ufficialmente e nella cultura delle nuove generazioni la memoria storica vera di Trieste per sostituirla con i condizionamenti culturali di propagande nazionaliste grossolane e grottesche, rinnovate dal 1945 a tutt’oggi e spacciate come patriottismo anche al popolo italiano.

Overall, only 27 years, yet, presented as burdenous as centuries, cancelling officially and from the culture of the youngest generations the true historical memory of Trieste, substituting it with the cultural conditioning of gross and grotesque nationalistic propagandas, renewed after 1945 to this day, and sold as patriotism to the people of Italy as well.

Dopo quella parentesi breve ma pesantissima, l’indipendenza della città-porto di Trieste è stata perciò correttamente ripristinata nel nuovo contesto mondiale dalle Potenze Alleate ed Associate vincitrici, con il vigente Trattato di Pace del 1947 come Free Territory – Territorio Libero – Svobodno ozemlje, dotato di Porto Franco internazionale.

After this short but burdening parenthesis, the independence of the port-city of Trieste was therefore correctly re-established by the victorious Allied and Associated Powers in the new global context, with the Treaty of Peace of Paris of 1947, in force, as Free Territory – Territorio Libero – Svobodno ozemlje, with an international Free Port.

In sostanza, poichè dopo la seconda guerra mondiale non era possibile restituire Trieste ad una ricostituita Austria-Ungheria, la sua città-porto venne costituita in nuovo Stato membro delle Nazioni Unite sotto loro garanzia, con regime portuale internazionale e diritti speciali per l’Austria, per gli altri Stati del retroterra mitteleuropeo ex austro-ungarico e per la Svizzera.

Essentially, since after World War II it was impossible returning Trieste to a new Austria-Hungary, its port-city was established as a new Member State of the United Nations under their responsibility, with an international Port regime and special rights for Austria, for other States of the former Austrian-Hungarian Mitteleuropean inland and for Switzerland.

Le potenze firmatarie del Trattato e le Nazioni Unite hanno anche avviato il regime di governo provvisorio del nuovo Stato di Trieste indipendente con mandato di amministrazione fiduciaria speciale affidato dal 1947 al 1954, ai Governi degli Stati Uniti e del Regno Unito che l’hanno esercitato in maniera esemplare per legalità, efficacia e correttezza.

The Signatory Powers of the Treaty and the United Nations did also enforce the provisional regime of Government of the new independent State of Trieste as a special trusteeship mandate, entrusted to the Governments of the United States and of the United Kingdom, which exercised it in an exemplary manner as for legality, efficacy and correctness from 1947 to 1954.

Dal 1954 lo stesso ruolo di Governo provvisorio in esecuzione del Trattato di pace è stato affidato al Governo (e non allo Stato) italiano. Ma a differenza da quello anglo-americano, il Governo provvisorio italiano ha esercitato il mandato internazionale in maniera sempre più scorretta e sempre più rovinosa per la popolazione amministrata, violando anche i diritti e gli interessi legittimi degli altri Stati sul Porto Franco internazionale.

Since 1954, the same role of provisional Government is entrusted, in accordance with the Treaty of Peace, to the Government (not to the State) of Italy. But, contrarily to the Anglo-American government, the provisional Italian Government exercises the mandate with increasing disloyalty and causing increasing ruin to the administered population, violating also the rights and legitimate interests of the other States to the international Free Port.

Il nuovo Governo amministratore non ha infatti gestito doverosamente la città ed il porto franco in amministrazione separata, ma vi ha simulato gradualmente la sovranità dello Stato italiano, consentendogli di appropriarsi di tutte le risorse economiche e patrimoniali di Trieste e di imporle il pagamento, vietato dal Trattato di pace, del debito pubblico italiano e di un’enormità di altre tasse non dovute.

For instance, the new provisional Government did not manage the city and the free port dutifully, with a separate administration, but it did gradually simulate the sovereignty of the State of Italy over them, allowing it to take over all economical resources and properties of Trieste and forcing on it the payment of the public debt of Italy, forbidden by the Treaty of Peace, and of many undue taxes.

Questi abusi hanno devastato l’economia della città e paralizzato il suo ruolo produttivo europeo ed internazionale, togliendole il lavoro e precipitando i triestini in una spirale di povertà crescente, che con la crisi economica generale ha raggiunto livelli umanamente insostenibili e moralmente intollerabili, sui quali prospera soltanto la rappresentanza parassitica locale del corrotto sistema politico-istituzionale italiano.

These abuses devastated the economy of the city and paralyzed its productive role in Europe and internationally, taking away job opportunities from it and drowning the Triestines in a spiral of increasing poverty, which summed to the current, general economic crisis has reached humanly and morally unacceptable levels, as well as being the breeding ground for the parasitical local representation of the corrupted political-institutional system of Italy.

Che aggiunge agli abusi economici e fiscali generali il tentativo illecito finale di strangolare del tutto il Porto Franco internazionale del Free Territory of Trieste per spostare gli assi di traffico mitteleuropei, e persino il regime di porto franco, sui porti della penisola italiana.

Adding to the general, fiscal and economic abuses the illegal attempt to completely suffocate the international Free Port of the Free Territory of Trieste to divert the traffic routes of Mitteleuropa, and even to transfer the status of Free Port, all for the advantage of the ports of the Italian peninsula.

Queste violenze politiche ed economiche hanno riaperto, nel mondo e nei modi di oggi, il ciclo simbolico e pratico che impone alla popolazione di Trieste di difendere la propria sopravvivenza concreta e la propria dignità dai medesimi interessi politico-economici aggressivi che la minacciavano nel 1382, quando chiese difesa all’Austria e la ottenne per oltre mezzo millennio.

This political and economic violence has opened once again, in the present world, the symbolic and practical cycle that imposes to the population of Trieste the defence of its concrete survival and their dignity from the same political-economic, aggressive interests that were threatening it in 1382, when it seeked the protection of Austria and obtained it, for longer than half a millennium.

Oggi la difesa diretta non è più un atto di dedizione all’Austria, ma consiste nell’esigere dalla Comunità internazionale il pieno rispetto dei diritti di Stato indipendente e di Porto Franco del Free Territory of Trieste, della sua economia e delle sue culture, a beneficio di tutti gli altri Stati e nel suo ritrovato spirito filosofico e pratico originario di philadelphìa.

Today, the direct defence is no longer an act of dedication to Austria, but it consists in requesting to the International Community the full respect of the rights of independent State and international Free Port of the Free Territory of Trieste, of its economy and of its cultures, for the benefit of all other States and as part of its renewed philosophical and practical, original spit of philadelphìa.

In questa difesa moderna l’Austria, se saprà uscire dalla sua lunga crisi d’identità politica, può avere due ruoli importanti che non sono soltanto storico-affettivi, ma pratici. Il primo è quello evidente di candidato a succedere al Governo italiano nel ruolo di amministratore provvisorio del Free Territory of Trieste e del suo Porto Franco internazionale per conto delle Nazioni Unite.

In this modern defence, Austria, if its long crisis of political identity is solved, can have two important roles that are not only historical-affective, but practical. The first one it the clear role of candidate as successor of the Italian Government for the role of provisional trustee of the Free Territory of Trieste and of its international Free Port on behalf of the United Nations.

Il secondo ruolo, indipendente dal primo, è quello di fulcro storico e geopolitico di una coalizione di interessi degli altri Stati della Mitteleuropa con i quali Trieste ha condiviso fraternamente mezzo millennio di storia e continua a condividere la stessa gravitazione politico-economica negli equilibri del sud-est europeo, che attendono da troppo tempo di essere consolidati.

The second role, independent from the previous, is that of historical and geopolitical centre of a coalition of interests of the other States of Mitteleuropa, with which Trieste has shared fraternally half a millennium of history and with which it shares the same political-economic centre of gravitation as for the balances of South-eastern Europe, awaiting since long to be consolidated.

P.G.P.

Il monumento per i 500 anni della dedizione di Trieste all’Austria // The monument for the 500 years of dedication of Trieste to Austria

Per la storia del monumento vedi // the history of the monument (Italian only): LINK

© 30 settembre 2015

Sfoglia online l’edizione cartacea

La locandina

Codice QR per cellulari

QR Code - scan to visit our mobile site
Collegati | Designed by Picchio Productions
Copyright © 2012 La Voce di Trieste. Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trieste - n.1232, 18.1.2011
Pubblicato dall'Associazione Culturale ALI "Associazione Libera Informazione" TRIESTE C.F. 90130590327 - P.I. 01198220327
Direttore Responsabile: Paolo G. Parovel
34121 Trieste, Piazza della Borsa 7 c/o Trieste Libera
La riproduzione di ogni articolo è consentita solo riportando la dicitura "Tratto da La Voce di Trieste"